Dopo Dewey, Munari e Jella Lepman, un articolo della sezione “I grandi dell’educazione” dedicato a Jean Piaget.

 

Jean Piaget (1896-1980) è stato voce dominante della Psicologia dello Sviluppo per gran parte del ventesimo secolo.

Svizzero di nascita, trasformò il nostro modo di pensare i bambini e il loro sviluppo intellettuale.

Il modo in cui Piaget considerava i bambini si dimostra molto utile alla comprensione di come possiamo progettare attività soprattutto per la fascia di bambini dagli zero ai 6 anni.

Ma prima cerchiamo di capire chi era Jean Piaget.

Specializzato in Biologia si interessò all’Epistemologia, una branca della filosofia, che studia le origini della conoscenza e che considerò come il suo più grande interesse. Ma fu soprattutto attraverso l’osservazione dei suoi tre figli che arrivò a formulare le sue teorie.

Si rese presto conto che quello che lo interessava non era verificare se i bambini erano capaci di rispondere alle domande in modo corretto o sbagliato, bensì a quale era il percorso che li conduceva a dare le risposte, a risolvere problemi:

Voleva comprendere i processi mentali che stavano alla base delle risposte dei bambini.

La teoria Piagetiana si basa sul fatto che lo sviluppo intellettuale può essere spiegato anche grazie all’interazione tra bambino e ambiente. È questa la base essenziale della teoria di Piaget.

La conoscenza viene costruita a partire dall’interazione tra il bambino e l’ambiente.

La conoscenza non è l’evoluzione di un’organizzazione innata, né viene fornita esclusivamente dall’esperienza, ma emerge dall’esplorazione attiva delle cose.

Pensate a come è importante per un bambino fino ai 3 anni poter toccare, manipolare gli oggetti.

A volte scambiamo questo bisogno per un capriccio, in realtà è il loro modo di conoscere il mondo. Ed è sicuramente questo uno dei motivi per il quale il Museo non è notoriamente un “luogo adatto” ai bambini di età inferiore ai 3 anni.

Come possono comprenderlo se non possono toccarlo?

Una proposta che possiamo sviluppare è quella del gioco che Piaget considerava un’attività, un’area di esperienza, un modo con cui i bambini esplorano e imparano a navigare nel mondo intorno a loro.

Possiamo predisporre per i bambini così piccoli, degli oggetti, delle aree del nostro museo, che siano capaci di farli sentire accolti e nelle quali, grazie a semplici stimoli possano esercitare la creatività, quella creatività tanto cara anche a Jean Piaget.

Vale la pena citare il MUSE di Trento all’interno del quale è stato creato MAXI OH! Uno spazio sensoriale esclusivo, dedicato ai bambini più piccoli, dove vengono stimolati udito, tatto e vista attraverso pavimenti riscaldati, camere sensorizzate, video proiezioni, interazioni virtuali e persino… un bagno interattivo.

Non sto parlando dei musei per bambini (siamo in attesa della prossima apertura del museo per bambini di Verona), mi riferisco ai musei tradizionali, Pinacoteche e Musei Archeologici che potrebbero dedicare degli spazi a questa fascia di età con lo stesso scopo di avvicinare all’arte, con un linguaggio diverso e non banale.

 

Laura Lanari

Bibliografia

H. Rudolph Schaffer, Psicologia dello sviluppo. Un’introduzione. Raffaello Cortina Editore, 2005

Donaldson, M. Come ragionano i bambini. Emme, 1979

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Musedu

Il progetto Musedu, nasce dall'iniziativa di Laura, attuale responsabile per i Servizi Educativi dei Musei Civici di Ancona, e dà voce a tutti gli operatori museali che si dedicano con passione e competenza a questo lavoro. Attualmente collaborano attivamente al nostro blog, Alessandra, Marco, Enrico e Daniel. Se vuoi diventare parte del nostro team, non esitare a chiederci informazioni.

Musedu, dipartimento dei Servizi Educativi della Cooperativa “Le Macchine Celibi" di Bologna che attualmente gestisce i Musei Civici di Ancona, ha trasformato le passioni sociali e gli interessi culturali in un sistema professionale, con l’obiettivo di favorire una sempre più ampia partecipazione alla cultura con particolare riguardo al settore scolastico e alle fasce più emarginate. La cooperativa è parte della Lega delle Cooperative di Bologna e aderisce al Consorzio Nazionale dei Servizi, in possesso della Certificazione di Qualità per erogazione di servizi di gestione centri giovanili e culturali, biblioteche, musei ed eventi culturali. I servizi educativi saranno gestiti da personale professionale nel settore dell’educazione e della formazione, guide turistiche provinciali autorizzate e figure nel settore dell’archeologia, della storia dell’arte e del restauro dei beni culturali.

La Nostra Mission

Il progetto Musedu sta lavorando per diventare un punto di riferimento nel settore dei Servizi Educativi Museali di qualità.

Il nostro obiettivo risiede nel voler applicare, giorno dopo giorno, i principi alla base del nostro metodo, verificarne l'efficacia, correggerlo e migliorarlo, così da poterlo rendere sempre migliore.

Puntiamo a creare proposte didattico-educative che si integrino con l'ambiente museale e che nascano dalla reale e profonda conoscenza del patrimonio in esso conservato, così da configurarsi come attività scientifica. Lavoriamo sempre più per far si che i servizi educativi museali si affermino come centro di ricerca interno all'organico di un museo.

Scrivici !

7 + 7 =

Musei Educativi 

3311604631 Per Info e Prenotazioni

0712225047 (Musei Civici di Ancona)

info@museieducativi.it

Museo della Città 

Pinacoteca Civica

© Musei Educativi 2016

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Una o due volte al mese ti manderò dei contenuti nuovi oppure, di tanto in tanto, ti informerò di qualche nostra iniziativa.

Grazie per esserti iscritto!