• circolare n. 128 del 20 marzo 1970 con la quale si avvia la costituzione di sezioni didattiche e si segna il definitivo passaggio dalla fase sperimentale ad una elaborazione teorica e metodologica. Nel testo si auspica una stretta collaborazione tra il museo e la scuola e si raccomanda ai soprintendenti ed ai direttori dei principali musei di istituire le sezioni didattiche;
  • D.P.R. n. 3 del 1972 Il trasferimento alle regioni a statuto ordinario delle funzioni amministrative in materia di musei locali o di interesse locale che apriva nuove prospettive nel campo della sperimentazione delle attività didattiche;
  • legge 8 ottobre 1997 n. 352 che prevede la possibilità per le scuole di stipulare convenzioni con le soprintendenze per elaborare percorsi didattici che tengano conto delle specificità delle richieste formative e delle particolari esigenze determinate dalla presenza di alunni con disabilità;
  • C.M. del 2 ottobre 1996 n. 623 La circolare relativa alle visite e viaggi d’istruzione, oltre a promuovere e valorizzare l’autonomia di scelta delle istituzioni scolastiche, si pone come obiettivo la promozione personale e culturale degli allievi e la loro piena integrazione scolastica sociale attraverso una maggiore conoscenza del paese, la partecipazione a manifestazioni culturali, la visita presso mostre e località di interesse storico artistico. La realizzazione delle visite di istruzione implica competenze professionali e di progettazione negli insegnanti affinché, più consapevoli del valore di queste risorse multidisciplinari, si facciano parte attiva nella elaborazione di tali percorsi.
  • D. Lgs. 31 marzo 1998 n. 112 che attribuisce allo Stato, alle regioni e agli enti locali funzioni di valorizzazione dei Beni Culturali e l’organizzazione delle attività didattiche e divulgative e prevede l’emanazione di leggi regionali specifiche sui Beni Culturali, rinnovando l’attenzione per il tema dell’educazione al patrimonio. Nello stesso documento, si stabilisce l’obbligo di definire i criteri tecnico-scientifici e gli standard minimi da osservare nell’esercizio delle attività trasferite, in modo da garantire un adeguato livello di fruizione collettiva dei beni, la loro sicurezza e la prevenzione dei rischi;
  • D.M. 16.3.1996 viene istituita presso il Ministero per i Beni e le Attività culturali la “Commissione di studio per la didattica del museo e del territorio”;
  • Il 20 marzo 1998 viene firmato l’accordo quadro tra il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali e il Ministero della Pubblica Istruzione, che “in considerazione del diritto di ogni cittadino ad essere educato alla conoscenza e all’uso consapevole del patrimonio culturale si impegnano a mettere a disposizione strutture, risorse ed attività per il conseguimento degli obiettivi sopra richiamati”. L’accordo quadro predispone le condizioni per elaborare congiuntamente progetti educativi annuali o pluriennali da parte dei responsabili delle istituzioni culturali e delle istituzioni scolastiche. Nel medesimo anno è istituito presso il Ministero per i beni culturali e ambientali il “Centro per i servizi educativi del museo e del territorio” al fine di coordinare le realtà operanti su scala nazionale;
  • l’art 119 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio prevede che il Ministero possa concludere accordi con il MIUR, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali interessati, per diffondere la conoscenza del patrimonio culturale e favorirne la fruizione;
  • Protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e il Ministero per i beni e le attività culturali in materia di applicazione delle tecnologie per l’istruzione e la cultura, 2004. Art. 1 – Avvicinare il mondo della scuola al patrimonio culturale e scientifico nazionale ed europeo, attraverso l’uso delle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Una o due volte al mese ti manderò dei contenuti nuovi oppure, di tanto in tanto, ti informerò di qualche nostra iniziativa.

Grazie per esserti iscritto!